Record OVH nella migrazione a caldo dei datacenter

Milano, 22 Gennaio 2019 | 22-01-2019

Record OVH nella migrazione a caldo dei datacenter

Solo 5 settimane per spostare 300 TB di VM; in un solo giorno trasferiti tra due datacenter 23 TB di dati, circa 1 TB all’ora

OVH raggiunge un importante traguardo nel campo della migrazione dei dati riuscendo a stabilire un record inimmaginabile fino a un anno fa. Nelle scorse settimane infatti l’azienda ha supportato un cliente in Germania nella migrazione a caldo trasferendo in sole 5 settimane circa 300 TB di dati.

Queste performance sono state possibili grazie a HCX, la tecnologia VMware utilizzata nella piattaforma Private Cloud che, oltre a gestire lo spostamento sicuro dei dati, consente una transizione trasparente assicurando una connessione di rete tra il datacenter di origine e quello di destinazione tramite un L2 esteso. La VM inviata a caldo nel Private Cloud di OVH non perde quindi neanche per un momento la connessione con le altre macchine con cui interagisce normalmente.

La migrazione a caldo è sbalorditiva e i risultati che abbiamo recentemente raggiunto confermano il grande impegno di OVH nell’innovazione e nella ricerca di soluzioni di ultima generazione per supportare al meglio i clienti”, ha affermato Dionigi Faccenda, Sales Manager Italia, Spagna, NA e LatAm di OVH. “Una migrazione dati è un’attività molto delicata e importante per un’azienda e va preparata a monte con un’attenta valutazione della dimensione del datacenter di destinazione ma anche con un’accurata una stima del tempo di trasferimento e della strategia di migrazione associata ai diversi driver dei datacenter di origine. OVH vanta un’esperienza consolidata nella migrazione sicura dei dati e grazie alla continua ricerca siamo certi di offrire soluzioni sempre più su misura e in linea con le richieste dei nostri clienti”.