Orchestrazione di container: casi d’uso

Kubernetes® permette di supportare diversi carichi di lavoro, per tutto il loro ciclo di vita

 

Thumbnail

Implementazione semplificata dallo sviluppo alla produzione

Al giorno d’oggi la maggior parte delle applicazioni open source e commerciali sono disponibili come container Docker o chart Helm avviabili con una sola riga di comando sul tuo servizio Kubernetes®, che ripartisce intelligentemente container e servizi su diversi nodi. Vuoi isolare ambienti di sviluppo, preproduzione e produzione? È sufficiente trasferire il file di configurazione da un cluster all’altro. Grazie alla sintassi dichiarativa, ti basta descrivere lo stato desiderato.

Thumbnail

Scalabilità e high availability

L’esposizione di un servizio su diversi nodi di lavoro si effettua facilmente, con poche righe di comando. Kubernetes® avvia i container e configura il Load Balancer per te. Inoltre, hai la possibilità di definire lo stato di salute di ogni servizio: Kubernetes® riavvierà i pod e i container che non soddisfano queste condizioni. Sui nodi è attivo il nostro sistema di monitoraggio. I tuoi servizi usufruiscono dell’alta disponibilità delle soluzioni Infrastructure as a Service (IaaS) di OVH, con la possibilità di aggiungere nuovi nodi di calcolo in pochi istanti.

 

Thumbnail

Reversibilità, multicloud e hybrid Cloud

Grazie al programma di conformità CNCF, numerosi provider Cloud garantiscono la totale reversibilità dei dati. Kubernetes® è ormai diventato lo standard per gli scenari multicloud (diversi provider o datacenter Cloud) e ibridi (distribuiti on-premise e Cloud). La stessa configurazione può essere trasferita in un attimo da un provider all’altro.

Architettura di microservizi e task altamente distribuiti

Thumbnail

Grazie alla sua reattività e all’overhead minimo, Kubernetes® ti permette di ridurre le infrastrutture sottostanti per i microservizi. Compatibile con applicazioni storiche (supporto di carichi stateful grazie ai volumi persistenti), Kubernetes® distribuisce i task in modo intelligente in base all’utilizzo previsto di RAM e CPU. Inoltre, è possibile definire soglie differenti che comportano la creazione o la distruzione automatica di nuove risorse e combinare le risorse IaaS mensili e orarie per una fatturazione ottimizzata.

Upgrade di versione trasparenti e controllati

Thumbnail

Grazie ai diversi livelli di astrazione apportati da Kubernetes®, l’aggiornamento dei tuoi applicativi è ancora più semplice. Con il rolling upgrade, effettui avanzamenti di versione trasparenti per i tuoi utenti finali. Questo approccio viene utilizzato anche dai nostri team per applicare ai componenti dei tuoi cluster Kubernetes® le patch di sicurezza e per i bug minori.

 

... e molto altro ancora!

Anche se la gestione del servizio è in carico a OVH, l’API standard e i numerosi strumenti compatibili ti permettono di arricchire la tua esperienza Kubernetes® in totale libertà!

Kubernetes®: via alle domande!

Cos’è un orchestratore di container?

Si dice che i container, in particolare Docker, siano una soluzione semplice per trasferire un software da un’infrastruttura a un’altra. Se da un lato è vero che i container rappresentano un’ottima soluzione per garantire che un software venga eseguito allo stesso modo su diversi server, la realtà è molto più complessa: qualsiasi progetto IT solido è composto da numerosi container ospitati su server multipli. Ed è qui che l’orchestratore gioca il suo ruolo: in base alle esigenze, ripartisce intelligentemente i container sui diversi server a sua disposizione garantendo così lo stato di salute delle applicazioni e di tutti i componenti necessari alla loro esecuzione.

Come orchestrare la tua infrastruttura OVH con Kubernetes®?

Per aiutarti a creare il tuo cluster Kubernetes® pronto per la produzione, sono a tua disposizione le nostre guide tecniche.